locandina_bosch

 

 

Già nel 1521 le tavole di Hieronymus Bosch stavano a Palazzo Grimani, in casa del cardinal Domenico Grimani, collezionista della straordinaria raccolta di opere classiche e non solo. In questa data il  Michiel  nota la “tella dell’inferno” e la tella de li sogni”, opere già  più preziose e rare “ veri incunaboli dell’arte moderna”.

Rientrate nella loro casa veneziana dopo una lunga assenza  per una fortunata mostra parigina Paradiso Terrestre, Ascesa all’Empireo; Caduta dei dannati , Inferno verranno analizzate in un breve ciclo di  visite guidate inquadrate non solo all’ambito del collezionismo dei Grimani, e analizzate come opere capitali della produzione del maestro, ma indagate  anche  dal punto di vista tecnico  prendendo in esame le problematiche della conservazione e del restauro.

Le tavole delle Visioni dell’Aldilà saranno restaurate nell’ambito dell’accordo tra il Ministero per l’Educazione, Cultura e Scienze dei Paesi Bassi e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo italiano siglato nel maggio dello scorso anno, che prevede l’intervento anche sul Trittico di santa Liberata e sul Trittico degli Eremiti dello stesso autore conservati sempre a Venezia. Il restauro delle opere, sostenuto dal Governo olandese attraverso il BRCP (Progetto Ricerca e Conservazione Bosch) e dal Getty Foundation di Los Angeles, è in corso a Venezia nel Laboratorio di restauro della Soprintendenza alla Misericordia.

Ingresso con pagamento del biglietto fino ad esaurimento posti.

Calendario

15 maggio 2014, ore 17:00
I Bosch dei Grimani: Visioni dell’Aldilà
a cura di Maria Cristina Dossi

22 maggio 2014, ore 17:00
Visioni dell’Aldilà. Tecnica, conservazione, restauro
a cura di Maria Chiara Maida e Ornella Salvadori

29 maggio 2014, ore 17:00
“La tella de li sogni” di Hieronymus Bosch
a cura di Marta Boscolo Marchi

 

Info su orario di apertura e costi.